LE NOSTRE ISPIRAZIONI

LA MAIOLICA SICILIANA

Mattonelle storiche di maiolica siciliana

Le prime tracce della comparsa della ceramica in Sicilia si fanno risalire al Neolitico, periodo di maggiore sviluppo delle lavorazioni ceramiche, insieme al periodo greco. Un fermento che diminuisce notevolmente durante la dominazione romana e bizantina per riprendere vigore con la conquista araba nell’827, che rivoluzione lo stile, le forme, i decori e, in particolare, le tecniche di lavorazione. Sono infatti gli Arabi a portare in Sicilia la tecnica dell’invetriatura piombifera del vasellame, appresa in Persia, Siria ed Egitto, che consisteva nel ricoprire gli oggetti in ceramica con sostanze in grado di vetrificarsi in cottura. Tra queste, l’elemento fondamentale è sicuramente il silicio, in grado di fondersi ad alta temperatura e dare colore alla ceramica, permettendo, inoltre, di impermeabilizzare i recipienti.

Nella seconda metà del XIV sec., con l’affermarsi della dominazione spagnola, si introducono nuovi colori, come il blu accostato al giallo, il verde e il manganese. Gli influssi del Rinascimento si protraggono fino agli inizi del XVII secolo, in particolare a Palermo, Messina e Siracusa. Qui, le industrie locali imitano le maioliche di Venezia, Cafaggiolo e Faenza, le prime ad essere conosciute sull’isola. S’impone, su tutta l’isola, la produzione palermitana, con i bellissimi vasi ovali che si rifanno ai vasi siculo–musulmani. Il colore che domina è l’azzurro cinerino, che nel Settecento diventerà azzurro carico, sino ad arrivare al blu, con motivi che riprendono le penne di pavone, decori vegetali, che diventeranno successivamente decori a rilievo.

L’Ottocento, con l’uso del cemento nei pavimenti e il dilagare di terraglie continentali, di produzione seriale sul mercato isolano, dà un fatale colpo alla maiolica siciliana che inizia la sua parabola discendente.

Solo di recente, la maiolica siciliana ha visto il suo rifiorire tra tradizione e innovazione, grazie a giovani artisti che hanno recuperato gli antichi decori storici delle maioliche del Settecento barocco, dando anche spazio all’elaborazione e alla reinterpetazione attraverso nuove soluzioni decorative frutto di una raffinata ricerca estetica, come Maurizio Scianna, palermitano, che nel suo laboratorio artistico di Bagheria ha dato vita ai decori di alcune delle nostre etichette.

Una mattonella decorata di maiolica siciliana
Alla maiolica siciliana si ispira la linea Maioliche di Tenuta Gorghi Tondi.
Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google